Deontologia al telefono

Vietato registrare e far ascoltare a terzi in viva voce le telefonate dell’ignaro collega. Il precetto di cui all’art. 38, co. 2, nuovo Codice deontologico, già art. 22 CDF (secondo cui l’avvocato non deve registrare una conversazione telefonica con un collega, senza il preventivo consenso o all’insaputa di questi) deve essere inteso nel senso che il divieto riguardi anche il caso in cui il telefono sia posto in viva voce per consentire ai terzi presenti di ascoltare la conversazione con il collega interlocutore (Nel caso di specie, in applicazione del principio di cui in massima, il CNF ha ritenuto congrua la sanzione disciplinare della censura).

Consiglio Nazionale Forense (Pres.ff Logrieco, rel. Calabrò).Sent. 17.02.2016, n. 7

Cont. già pubbl. 23.01.2017

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email