Divieto intercettaz. difensore

L’attuale disciplina del divieto di intercettare il difensore, fissata all’articolo 103 del codice di procedura penale, è insufficiente. Non basta l’inutilizzabilità delle comunicazioni tra avvocato e assistito che fossero comunque captate, dal momento che tali comunicazioni resterebbero comunque conoscibili da parte del pubblico ministero. Si tratta di un vulnus al quale lo stesso decreto Orlando poneva rimedio in forma solo parziale e sul quale il Consiglio nazionale forense chiederà una disciplina finalmente chiara.

ildubbio.news del 19.06.19

 

Print Friendly, PDF & Email