Spese giudiziali e PA autodifesa

Spese giudiziali. Ente pubblico in giudizio tramite proprio funzionario, senza ministero di difensore. Non competono.l’Agenzia delle Entrate è stata in giudizio senza il ministero di difensore e quindi deve escludersi che la parte privata possa essere condannata al pagamento delle spese processuali sostenute dall’Ufficio per diritti e onorari.(cfr Cass. 8413/2016). La sentenza va quindi sul punto cassata, con eliminazione, dalla sentenza di appello, della statuizione di condanna. L’esito complessivo del giudizio di legittimità consente di compensarne le spese…Così deciso nella Camera di Consiglio dell’Il novembre 2020

Cass.Civile Sez. 6 Ordinanza Num. 27444 Anno 2020
Presidente: MOCCI MAURO.Relatore: CROLLA COSMO
Data pubblicazione: 01/12/2020

 

Civile Sent. Sez. 2 Num. 8413 Anno 2016
Presidente: PETITTI STEFANO. Relatore: FALABELLA MASSIMO
Data pubblicazione: 27/04/2016

L’autorità amministrativa che ha emesso il provvedimento sanzionatorio, quando – come nel caso in esame – sta in giudizio personalmente o avvalendosi di un funzionario appositamente delegato (il che è consentito dall’art. 23, 5 ° cc. 1. n. 689/1981), non può ottenere la condanna dell’opponente, che sia soccombente, al pagamento dei diritti di procuratore e degli onorari di avvocato, difettando le relative qualità nel funzionario amministrativo che sta in giudizio, per cui sono, in tal caso, liquidabili in favore dell’ente le spese, diverse da quelle generali, che abbia concretamente affrontato in quel giudizio e purchè risultino da apposita nota (Cass. 24 maggio 2011, n. 11389; Cass. 27 agosto 2007, n. 18066). Deve escludersi, dunque, che il ricorrente potesse essere condannato al pagamento delle spese processuali sostenute da [], costituita in primo grado senza il ministero di difensore, per diritti e onorari.

Corte Cass. Nr.8413/2016