Notifica postale, irreperibilità

Notifica a mezzo del servizio postale. Irreperibilità relativa del destinatario. Contrasto relativo ad atti di imposizione fiscale. Questione di massima di particolare importanza. In tema di notifica a mezzo del servizio postale, rispetto all’ipotesi di cd. irreperibilità relativa del destinatario, la Sezione tributaria ha rimesso alle Sezioni Unite civili, ai sensi dell’art. 374, comma 2, c.p.c., la risoluzione del contrasto insorto nella giurisprudenza delle sezioni semplici con riguardo al perfezionamento della notifica degli atti di imposizione fiscale: se, ai fini della ritualità del procedimento notificatorio, sia richiesta ex art. 8 l. n. 890 del 1982 la sola prova della spedizione della missiva raccomandata (cd. CAD), con conseguente perfezionamento, per il destinatario, al decimo giorno successivo all’invio dell’atto, oppure se sia necessaria anche la prova della ricezione della raccomandata informativa da parte del notificato, mediante esibizione in giudizio anche dell’avviso di ricevimento relativo alla raccomandata contenente la CAD. La questione di diritto rimessa al giudice nomofilattico – secondo l’ordinanza interlocutoria – appare, altresì, di massima di particolare importanza in ragione dell’incidenza sulla generalità degli atti in materia civile, amministrativa e penale.

Ordinanza interlocutoria n. 21714 del 08/10/2020

Presidente: E. Cirillo

Relatore: R. Rossi

Ordinanza interlocutoria 21714_10_2020

 

Print Friendly, PDF & Email