Demolizione ed esecuz. immobiliare

Ordine di demolizione e pendenza di procedura esecutiva immobiliare.  In tema di reati concernenti l’attività edilizia, l’esecuzione dell’ordine di demolizione, impartito dal giudice a seguito dell’accertata edificazione in violazione di norme urbanistiche, non è esclusa dalla pendenza di procedura esecutiva immobiliare a carico del condannato. (In motivazione, la Corte ha evidenziato sia che l’ordine di demolizione, avendo carattere reale, ricade direttamente sul soggetto che è in rapporto con il bene a prescindere dagli atti traslativi intercorsi, sia che colui il quale si rende acquirente all’esito della procedura esecutiva, ed è estraneo all’abuso, potrà rivalersi nei confronti dell’esecutato).

Balconi,sporti e distanze degli edifici

Urbanistica. Balconi e sporti e distanze degli edifici. In tema di balconi e sporti e distanze degli edifici i detti elementi architettonici possono non essere compresi nel computo delle distanze di cui all’art. 9, d.m. nr. 1444/1968, qualora vi sia una norma di piano che ciò autorizzi e a condizione che si tratti di balconi aggettanti, estranei cioè al volume utile dell’edificio. Ciò è coerente con la ratio stessa della previsione delle distanze minime fra edifici, che come noto è quella di evitare la creazione di intercapedini pregiudizievoli o pericolose per la salubrità pubblica: nel senso che siffatta evenienza si ritiene possa escludersi in via presuntiva, e salvo prova contraria da fornirsi da parte di chi impugna o contesta la disposizione urbanistica, laddove gli elementi architettonici de quibus abbiano le suddette caratteristiche.

Assistenza nel processo tributario.

Difesa del contribuente nel processo tributario. L’art. 12  del D.Lgs. n° 546/1992 (Assistenza tecnica) ha previsto l’obbligo per i contribuenti di farsi assistere in giudizio da un difensore abilitato, fatta eccezione per le controversie tributarie di valore inferiore a Euro 2.582,28.

Tra le categorie dei difensori indicate nell’art. 12 del D.Lgs 546/1992, possono essere abilitati alla rappresentanza ed alla difesa del contribuente, anche gli impiegati delle ex carriere dirigenziali, direttive e di concetto dell’Amministrazione finanziaria e gli ufficiali e i sottufficiali della Guardia di Finanza, collocati a riposo dopo almeno 20 anni di servizio effettivo. L’abilitazione all’assistenza tecnica si ottiene previa apposita domanda presentata dall’interessato e l’autorizzazione concessa consente l’abilitazione nell’intero territorio nazionale.