Solo Cassazionisti davanti al CNF

Impugnazione al CNF inammissibile se proposta tramite difensore non cassazionista o privo (ab origine) di procura speciale.

Nel giudizio dinanzi al CNF, l’incolpato può difendersi personalmente, purché iscritto nell’albo professionale ed in possesso dello ius postulandi, ovvero farsi assistere da altro avvocato, purché iscritto all’albo dei patrocinanti davanti alle Giurisdizioni Superiori e munito di mandato speciale antecedente alla proposizione del ricorso, non operando nella fattispecie la sanatoria e/o ratifica ex art. 182, co. 2, cpc (Nel caso di specie, l’impugnazione era stata proposta a mezzo difensore non Cassazionista. In applicazione del principio di cui in massima, il CNF ha pronunciato l’inammissibilità dell’impugnazione).

Autodichiarazione mendace

Dichiarazioni mendaci: – natura – elementi costitutivi. (DPR 445/2000). Le norme in materia di documentazione amministrativa inglobate nel T.U. approvato con DPR 445/2000, prevedono all’art. 46 che sono comprovate con dichiarazioni anche contestuali all’istanza, sottoscritte dall’interessato e prodotte in sostituzione delle normali certificazioni i seguenti stati, qualità personali e fatti:…. o situazione reddituale economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali… r) stato di disoccupazione ed al successivo art. 47 che l’atto di notorietà concernenti stati, qualità personali o fatti che siano a diretta conoscenza dell’interessato è sostituito da dichiarazione resa e sottoscritta dal medesimo con la osservanza della modalità di cui all’art. 38.

Censura per l’Avvocato