Antiriciclaggio,regole tecniche commercialisti

Antiriciclaggio. Dottori commercialisti. Le regole tecniche, emanate dal Consiglio nazionale in qualità di organismo di autoregolamentazione, rivolte agli iscritti all’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, hanno ad oggetto i seguenti obblighi antiriciclaggio:valutazione del rischio (artt. 15-16 d.lgs. 231/2007); adeguata verifica della clientela (artt. 17-30 d.lgs. 231/2007);conservazione dei documenti, dei dati e delle informazioni (artt. 31, 32 e 34 d.lgs. 231/2007).

Elezioni COA. Determ. Presidente

Svolgimento operazioni elettorali. Determina  Prot. nr.473 del 18.02.2019. Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Agrigento. Il Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Agrigento:

Letta la L. 247/2012, la L.113/2017 e la L. 2/2019;
Richiamata la deliberazione del Consiglio dell’Ordine del 13/02/2019 riguardante le elezioni dei componenti del Consiglio dell’Ordine per il quadriennio 20192022

DETERMINA

Abuso edilizio e comproprietario

Abuso edilizio e comproprietario non committente. Secondo la costante giurisprudenza della Suprema Corte in materia: “La responsabilità del proprietario o comproprietario non committente non può essere oggettivamente dedotta dal diritto sul bene, né può essere configurata come responsabilità omissiva per difetto di vigilanza, attesa l’inapplicabilità dell’art. 40 co. 2 c.p., ma deve essere dedotta da indizi ulteriori rispetto all’interesse insito nel diritto di proprietà, idonei a sostenere la sua compartecipazione, anche morale, al reato.

In particolare si è evidenziato che questa responsabilità può dedursi da elementi quali la piena disponibilità della superficie edificata, l’interesse alla trasformazione del territorio, i rapporti di parentela o affinità con l’esecutore del manufatto, la presenza e la vigilanza durante lo svolgimento dei lavori, il deposito di provvedimenti abilitativi (anche in sanatoria), la fruizione dell’immobile secondo le norme civilistiche sulla cessione, nonché tutti quei comportamenti (positivi o negativi) da cui possono trarsi elementi integrativi della colpa e prove circa la compartecipazione -anche morale- alla realizzazione del fabbricato” (cfr. Cass. sez. III sent. n. 6126 del 21.01.16).