Riforma cpp,comunicato Ucpi

Al termine della riunione del Tavolo convocato dal Ministro Bonafede con UCPI, ANM, CNF, OCF ed AIGA, prende forma la ipotesi di legge delega volta ad intervenire sul codice di procedura penale con l’obiettivo di ridurre i tempi del processo. Sostanzialmente definiti gli interventi principali sulle aree concordemente indicate da UCPI ed ANM: rafforzamento della funzione di filtro della udienza preliminare, incentivazione dei riti alternativi, ridefinizione del sistema sanzionatorio delle contravvenzioni.

Rimodulazione importo pensioni

Rimodulazione della rivalutazione annuale delle pensioni per l’anno 2019 ai sensi dell’articolo 1, comma 260, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (legge di bilancio 2019). Criteri e modalità di rivalutazione delle pensioni per l’anno 2019 in applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 1, comma 260, della legge 30 dicembre 2018, n. 145. Con la circolare n. 122 del 27 dicembre 2018 sono state illustrate le modalità con cui è stata applicata la rivalutazione delle pensioni e delle prestazioni assistenziali e sono stati impostati i relativi pagamenti per l’anno 2019. Sul supplemento ordinario n. 62L della Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31 dicembre 2018 è stata pubblicata la legge 30 dicembre 2018, n. 145, recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021”.
L’articolo 1, comma 260, della citata legge ha introdotto un nuovo meccanismo di rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici per il triennio 2019-2021, parzialmente diverso da quello applicato al rinnovo 2019 (Allegato n. 1). Conseguentemente è stata effettuata una seconda operazione di rivalutazione sulla base della nuova previsione legislativa. Ciò premesso, con la [] circolare si illustrano i criteri seguiti per la rivalutazione e si forniscono le tabelle aggiornate per l’anno 2019, che sostituiscono l’allegato 2 trasmesso con la circolare n. 12/2018 (Allegato n. 2).

Elezioni forensi,aggregazione

Elezioni forensi. Aggregazione di candidati. Pubblicità In tema di elezione dei Consigli degli ordini forensi, ferma la necessaria individualità delle candidature prevista dall’art. 8 della l. n. 113 del 2017, è ammessa l’aggregazione di più candidati ai soli fini della propaganda elettorale, ai sensi dell’art. 7 della medesima legge, la quale non impone un limite massimo di candidati aggregabili, sicchè la propaganda svolta in eccedenza rispetto al limite massimo dei 2/3 degli eleggibili di cui all’art. 7 d.m. n. 170 del 2014 può determinare solo conseguenze di natura deontologica, ma non invalidare la successiva competizione elettorale.